Statistiche Web

Politica 18-09-2018

Legge urbanistica: vidimati i moduli, al via la raccolta firme per il referendum popolare

Nel giorno in cui il disegno di legge arriva in Consiglio regionale con le relazioni di maggioranza e di minoranza.

Questa mattina presso la Cancelleria del Tribunale di Cagliari, Autodeterminatzione ha portato a vidimazione i moduli per la raccolta firme a richiesta di un referendum consultivo sulla Legge Urbanistica che il consiglio regionale si propone di approvare.
Nel giorno in cui il disegno di legge arriva in Consiglio regionale con le relazioni di maggioranza e di minoranza Autodeterminatzione, intende chiamare a esprimersi in merito il Popolo Sardo, per decidere se la suddetta legge debba essere approvata o respinta.
Questo è il testo del referendum indetto ai sensi dell'art.1 lettera e) della Legge Regionale n.20 del 17 maggio 1957:
"Siete voi contrari all'approvazione, da parte del Consiglio Regionale della Sardegna del disegno di legge " testo unificato DL 409- PPLL 19-418-438" editato da IV commissione permanente in data 09.08. 2018 recante " Disciplina generale per il governo del territorio?" indetto ai sensi dell'art.1 lettera e) della Legge Regionale n.20 del 17 maggio 1957.


Il comitato promotore ritiene che tale legge non rispetti le aspettative e il territorio dei sardi e che l'attuale governo della Regione Sardegna, essendo in scadenza, non sia legittimato ad approvare e imporre una legge di tale importanza che presenta carenze significative nella sua visione d'insieme e in ordine a servitù militari, viabilità, trasporti, zone interne, e aree rurali.


E' stato più volte pubblicamente denunciato, da parte di professionisti (ingegneri, magistrati, urbanisti, architetti, sindaci, intellettuali che per mesi hanno tenuto incontri in giro per l'isola per discutere della legge) che il processo partecipativo necessario per una legge condivisa è stato formale e lacunoso e, pertanto, è quanto mai necessario esprimersi attraverso uno strumento di democrazia partecipativa sull'opportunità e utilità, per la Sardegna, di approvare oggi la legge urbanistica.

E' da respingere, infine, l'equazione sviluppo, promozione del turismo e allargamento della stagione turistica attraverso aumento di volumetrie e cementificazione, senza risolvere prima problemi ben più annosi quali viabilità, trasporti e diversificazione dell'offerta. E' questa una visione vecchia che ha portato a violentare e svendere la Sardegna e non può più essere accettata. Queste le ragioni che hanno portato il comitato a presentarsi con i moduli da vidimare ,questa mattina in tribunale a Cagliari e iniziare la raccolta firma.

Ultimo aggiornamento: 18-09-2018 22:16


Cronaca 17-10-2018

Cagliari. Allerta meteo fino alle 24 di domani: Zedda chiude scuole, uffici e parchi cittadini

Cronaca 17-10-2018

Trovato nelle campagne di Ghilarza un corpo, potrebbe essere quello di Manuel

Cronaca 17-10-2018

Le dighe del Coghinas, dell'Alto Flumendosa e del Taloro tornano in capo alla Regione

Spettacolo e Cultura 16-10-2018

Approda in Sardegna la terza edizione del Festival Internazionale della letteratura di viaggio