Statistiche Web

Politica 24-05-2018

Un piano per riqualificare Santa Gilla-San Paolo e Sant’Avendrace: lavori chiusi entro il 2021

Il Programma straordinario prevede un'azione integrata per la riqualificazione e la sicurezza nel quartiere di Sant'Avendrace realizzazione del Parco urbano sportivo ed educativo nell'area di via San Paolo.

Città metropolitana e Comune di Cagliari hanno sottoscritto l'Atto d'intesa per gli interventi nelle aree di San Paolo-Santa Gilla e Sant'Avendrace, secondo quanto previsto dalle norme tecniche di attuazione del Piano Paesaggistico regionale.


L'accordo porta le firme dell'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, del sindaco metropolitano Massimo Zedda e dell'assessora alla Pianificazione strategica e Urbanistica Francesca Ghirra.


Il Programma straordinario prevede un'azione integrata per la riqualificazione e la sicurezza nel quartiere di Sant'Avendrace, esposto a situazioni di marginalità economica e sociale, degrado e carenza di servizi, attraverso alcuni interventi concepiti per attivare azioni coordinate che consistono nella: riqualificazione di viale Sant'Avendrace e dei percorsi di relazione; realizzazione del Parco urbano sportivo ed educativo nell'area di via San Paolo; rifunzionalizzazione dell'ex Mattatoio di via Po per housing sociale (circa 140 nuovi alloggi, sfruttando le cubature esistenti) e servizi (demolizione e bonifica dell'area dell'ex Mattatoio; infrastrutturazione principale dell'area dell'ex Mattatoio; realizzazione di un parco archeologico).


"Con la stipula di questo Protocollo d'intesa – precisa l'assessore Erriu – si avvia il percorso di attuazione di alcuni interventi strategici di riqualificazione di due aree della città di Cagliari rilevanti sotto i profili della rigenerazione ambientale e urbana. Queste azioni scaturiscono dal 'Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza del quartiere Sant'Avendrace', presentato dal Comune di Cagliari in occasione del Bando nazionale per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia, che ha assegnato al Comune di Cagliari 18 milioni di euro. Sarà possibile riqualificare gli ambiti urbani e le periferie caratterizzati dalla presenza di tessuti edilizi disorganici, incompiuti, parzialmente utilizzati o degradati, favorendo il miglioramento della qualità dell'abitare anche attraverso l'incremento della dotazione degli standard".

L'assessore Erriu sottolinea l'importanza della "collaborazione istituzionale tra Regione, Comune di Cagliari e Soprintendenza all'Archeologia, alle Belle arti e al Paesaggio, anche alla luce della rilevanza degli interventi e delle tempistiche previste dal bando nazionale. Una collaborazione virtuosa che riguarda anche l'ex ospedale Marino e Tuvixeddu". L'esponente dell'esecutivo Pigliaru pone l'accento sull'esigenza di favorire "il riuso e la riqualificazione di insediamenti esistenti, sia per utilizzi di carattere residenziale che turistico, produttivo, per servizi e infrastrutture. Parliamo di una pianificazione coerente non solo con il PPR ma anche con i contenuti del DDL di Governo del territorio attualmente in discussione, per la parte che riguarda la riqualificazione e rigenerazione urbana".


Il sindaco metropolitano Zedda sottolinea la "tempestività dei nostri uffici nell'elaborare il progetto che, in tempi strettissimi, ci ha permesso di partecipare e vincere il bando nazionale. Si parla di periferie ma, nel nostro caso, è un termine che ci sta stretto, vista la conformazione della città e la vicinanza al centro cittadino. Abbiamo posto una particolare attenzione agli aspetti ambientali, con ampie zone dedicate ad aree verdi, ma anche alla viabilità e alla possibilità di fruizione per i cittadini di parcheggi pubblici esistenti e sotto utilizzati, per lo meno in certi giorni della settimana e in certe fasce orarie. Questo ci consentirà di limitare il consumo del suolo".


L'assessora Ghirra precisa che "i lavori dovranno essere completati entro il 2021. La qualità del progetto è talmente elevata che pensiamo di vedere raddoppiati gli interventi dei privati, che oggi ammontano già a 8 milioni di euro. L'area di intervento, di proprietà del Comune di Cagliari, ha una superficie complessiva di circa 3,5 ettari. Oltre all'infrastrutturazione pubblica di tutto il parco di San Paolo, sarà valorizzato il vecchio centro di Santa Igia, il cuore dell'antica città, con la realizzazione di una nuova piazza e di un giardino archeologico".

Ultimo aggiornamento: 24-05-2018 16:49


Cronaca 16-10-2018

Capoterra. Incidente sul lavoro: ferito un operaio di Quartu

Cronaca 15-10-2018

Contolli antidroga e sicurezza: i Carabinieri arrestano due gambiani nel corso del weekend

Cronaca 15-10-2018

Valledoria, tre condanne da 15mila euro per furto d'acqua

Spettacolo e Cultura 16-10-2018

Approda in Sardegna la terza edizione del Festival Internazionale della letteratura di viaggio