Statistiche Web

Economia e Lavoro 30-12-2017

Agricoltura, online il secondo bando 'terra ai giovani' destinato agli under 40

È stato pubblicato il secondo bando del progetto Terra ai giovani, lanciato nel 2016 dall'Esecutivo Pigliaru per favorire il ricambio generazionale in agricoltura anche attraverso il riutilizzo di terre incolte e libere di proprietà regionale.

CAGLIARI - L'idea, nata dall'Assessorato dell'Agricoltura, in collaborazione con la presidenza della Giunta e l'assessorato degli Enti locali, ha visto come soggetto attuatore l'Agenzia agricola Laore Sardegna. 792 ettari suddivisi in 16 lotti localizzati in 13 Comuni saranno concessi in affitto agevolato per 15 anni, eventualmente rinnovabili una sola volta, a giovani di età non superiore ai 40 anni (non ancora compiuti). I territori interessati dal progetto si trovano ad Alghero, Arborea, Arbus, Gonnosfanadiga, Luras, Maracalagonis, Marrubiu, Palmas Arborea, San Basilio, San Vito, Serramanna, Siliqua e Villasor. Fra le proprietà messe a bando anche due ex siti militari, a Siliqua e Villasor, che dopo i diversi passaggi di dismissione e ripresa in carico seguiti dalla Regione potranno essere rivalorizzati dai nuovi assegnatari sardi.

Pigliaru. "Terra ai giovani è un progetto che mi rende particolarmente felice", ha commentato il presidente Pigliaru. "Da un lato, infatti, è il segno concreto che continuiamo a fare di tutto per creare lavoro, in particolare dando nuove opportunità ai giovani, cosa di cui in Italia e in Sardegna c'è un enorme bisogno. Dall'altro perché cambiamo proprio direzione rispetto all'assurdità di una Regione che per decenni ha avuto nel proprio patrimonio migliaia di ettari lasciati di fatto abbandonati e improduttivi. Sono oltre 2500 gli ettari che complessivamente, tra Terra ai Giovani e Sbs, abbiamo già restituito al sistema produttivo dell'agricoltura regionale", ha specificato Francesco Pigliaru.

I terreni. I terreni sono destinati all'esercizio di attività agro-silvo-pastorali e ad attività a esse funzionali o complementari. La richiesta di assegnazione potrà essere presentata per più lotti ma, in ogni caso, il partecipante potrà aggiudicarsene in via definitiva uno solo. La descrizione degli immobili, l'ubicazione, la superficie, gli estremi catastali, le caratteristiche agronomiche e ogni altra informazione riguardante i singoli lotti sono contenute nelle schede tecniche consultabili sulla pagina internet di Sardegna agricoltura.

Chi può partecipare. La partecipazione è riservata a imprese agricole costituite o costituende da giovani imprenditori agricoli. Possono presentare domanda i coltivatori diretti, gli Imprenditori agricoli professionali (IAP), le società agricole, in forma singola o associata. Potranno inoltre partecipare le cooperative sociali che esercitino attività in campo agricolo nonché soggetti che, non avendo i requisiti all'atto della domanda, dichiarino formalmente di costituirsi quale nuova impresa agricola entro 60 giorni dalla comunicazione dell'aggiudicazione. Le domande di partecipazione al bando dovranno pervenire entro le ore 12 del prossimo 2 marzo 2018.

Piano di valorizzazione aziendale. I partecipanti dovranno presentare un apposito Piano di Valorizzazione Aziendale (PVA), che illustri le attività e gli interventi che si intendono realizzare, per riqualificare e ottimizzare l'utilizzo del lotto agricolo assegnato, durante il periodo di concessione dell'immobile, evidenziando le strategie di produzione, gestione e commercializzazione proposte.

Primo bando. A marzo scorso, con il completamento del primo bando, erano stati assegnati 10 lotti, ad altrettanti beneficiari, per un totale di circa 670 ettari fra i Comuni di Alghero, Sassari, Serramanna, Villasor, Vallermosa, Ussana e Donori.

Ultimo aggiornamento: 30-12-2017 15:33


Cronaca 20-09-2018

Grave atto intimidatorio, nel mirino la Presidente di Confindustria

Cronaca 20-09-2018

Stintino. Sequestro di ricci: quattro contenitori per oltre due kg di polpa

Economia e Lavoro 20-09-2018

Eurallumina. Incontro interlocutorio per il progetto del vapordotto

Economia e Lavoro 20-09-2018

Confartigianato. “il Burosauro” che affonda le imprese sarde