Statistiche Web

Cronaca 19-09-2017

"Lo Scuolabus non passa più, a Laconi 11 bambini rischiano di non andare a scuola"

"Singolare e per certi versi paradossale situazione per 11 bambini, sei dei quali di etnia rom, residenti in tre frazioni del Comune di Laconi (Oristano). La mancata attivazione dello Scuolabus rischia infatti di impedire ai piccoli - 2 iscritti all'asilo e gli altri 9 suddivisi tra scuola dell'infanzia e la secondaria di primo grado – di accedere alla locale scuola e fruire delle lezioni".

Lo rende noto Maria Grazia Caligaris, presidente di "Socialismo Diritti Riforme" , l'associazione a cui si sono rivolti alcuni familiari dei ragazzini lamentando "oggettive difficoltà ad accompagnare quotidianamente con mezzi propri i piccoli allievi nelle relative sedi".

"Ciò che appare paradossale – sottolinea Caligaris – è il fatto che il Comune di Laconi, secondo quanto riferiscono i cittadini, dispone dell'apposito mezzo in perfetto ordine e di un impiegato con idonea patente. Chiede però espressamente agli abitanti delle frazioni di Santa Sofia (oltre 12 chilometri di distanza), Crastu (circa 7 chilometri) e Su Lau (4 km) di provvedere personalmente ad accompagnare i piccoli nei diversi plessi e ovviamente ad andare a riprenderli l termine delle lezioni".

"Il problema – ricorda la presidente di Sdr – è sorto in seguito alla chiusura delle scuole nei sobborghi per la riduzione del numero degli abitanti delle frazioni e quindi dei bimbi in età scolare. L'amministrazione lo scorso anno scolastico aveva adottato l'erogazione dei rimborsi per contenere le spese aggiuntive delle famiglie. Si trattava però di 4/5 bambini i cui genitori si erano impegnati ad accompagnarli. Quest'anno però i numeri sono più che raddoppiati e sarebbe forse opportuno risolvere il problema riattivando il servizio Scuolabus".

"Rivolgiamo quindi un appello all'amministrazione comunale e alla sensibilità della prima cittadina. La questione è delicata anche perché i genitori e i parenti degli scolari non hanno l'obbligo di possedere o disporre di un'automobile né di avere la patente di guida. E' invece sancito dalla Costituzione il diritto allo studio e il principio che lo Stato non deve discriminare consentendo a tutti i cittadini pari opportunità. L'impegno di tutti i sardi contro lo spopolamento infine – conclude Caligaris – passa anche spesso attraverso la disponibilità di servizi, compreso quello di garantire l'accesso a strumenti di compensazione. In questo caso lo Scuolabus".

Ultimo aggiornamento: 19-09-2017 10:12


Politica 21-10-2017

Centro per rimpatri di migranti a Macomer, infuria la polemica. La Regione: "Falsi allarmismi"

Cronaca 21-10-2017

Maxi sequestro della Finanza a Carbonia in un negozio cinese. Multa da capogiro

Politica 21-10-2017

Allerta meteo, individuate le aree a rischio a Quartu. "Nuove regole, multe per chi non le rispetta"

Cronaca 21-10-2017

Burrasca e mareggiate in arrivo sulla Sardegna. Allerta meteo di 48 ore