Statistiche Web

Cronaca 18-09-2017

Puzza soffocante da Molentargius, rischi per la salute a Quartu. Delunas scrive alla prefettura

Gran parte della terza città della Sardegna invasa da un tanfo pestilenziale proveniente dall'area protetta. All'origine degli odori nauseabondi potrebbe esserci lo smaltimento illegale, attraverso degli incendi, di vario materiale.

QUARTU SANT'ELENA (CA) - Un tavolo tecnico per capire da dove provengano gli odori sgradevoli e soffocanti che ormai da diversi giorni interessano un’importante porzione di città. È quello chiesto con urgenza dall’amministrazione Delunas alla prefettura, affinché si possa poi anche intervenire immediatamente, a tutela dei cittadini quartesi. Il sindaco ha firmato una lettera indirizzata alla prefettura, con riferimento alla situazione di estrema emergenza che si sta verificando nella città: da qualche giorno arrivano infatti al Comune, provenienti da diverse zone della città, numerosissime segnalazioni per la presenza nell’aria di odori altamente sgradevoli e soffocanti. In base alle stesse comunicazioni la causa potrebbe essere la combustione di materiali all’interno del parco del Molentargius, presumibilmente in località Su Idanu, ovvero nell’area retrostante un market di viale Marconi. Tuttavia, nonostante numerosi tentativi, non si è riusciti ad individuare con precisione l’origine e la causa del fenomeno, che non solo interessa un'area vasta e impervia, ma si manifesta con dei focolai apparentemente provenienti dal sottosuolo.

"Vista la gravità del fenomeno e i risvolti sulla salute che lo stesso potrebbe ingenerare nella cittadinanza esposta a simili esalazioni e in considerazione del fatto che nell’area in questione sono presenti siti sensibili quali scuole, un centro servizio sanitario e una casa di cura, l’amministrazione Delunas ha ritenuto opportuno chiedere la convocazione urgente di un incontro tecnico tra gli enti interessati, alla presenza degli operatori del settore, al fine di valutare quali azioni intraprendere a tutela della salute pubblica per la risoluzione del problema". Nella richiesta inoltrata dall’amministrazione comunale "viene inoltre precisato che il personale tecnico dell’ente di via Eligio Porcu è ovviamente a disposizione per un eventuale ulteriore sopralluogo, magari congiunto, nonché per ogni ulteriore chiarimento ritenuto opportuno in merito".

Ultimo aggiornamento: 18-09-2017 19:49


Cronaca 15-12-2017

Abbanoa: "La Sardegna è tra le regioni più colpite dalla siccità"

Cronaca 15-12-2017

Cagliari, brucia lo stop e si scontra con un'altra auto

Cronaca 15-12-2017

Capoterra, impresa edile evade un milione di euro

In Sardo 15-12-2017

Tzerachias militares in Sardigna, su Consìgiu regionale donat istrada lìbera a s'intesa cun s'Istadu. Ite narat s'acòrdiu